La nostra paura più grande (e perché dovremmo vincerla)

Avete mai visto un bambino che abbia paura della luce? Eppure noi adulti abbiamo a volte più paura della luce che dell’ombra.

È ciò che ho imparato da una poesia Marianne Williamson, spesso attribuita erroneamente a Nelson Mandela.

In questa poesia Marianne parla della paura. E si chiede: tra le tante paure che abbiamo, quale è la più grande?

Ecco la sua risposta:

La nostra paura più profonda non è di essere inadeguati. La nostra paura più profonda, è di essere potenti oltre ogni limite. E’ la nostra luce, non la nostra ombra, a spaventarci di più.”

Comunicare per me significa questo: liberare la luce che c’è dentro di noi.

  • Ti è mai capitato di trovarti di fronte a persone nuove, e aver paura di aprire bocca?
  • Pensi ogni tanto di non aver abbastanza qualità? e guardi gli altri e fai confronti che ti fanno sentire una sensazione strana allo stomaco, una sensazione di inadeguatezza?
  • O ti è mai successo di dover parlare di fronte ad un gruppo di persone, e pensare che farai una pessima figura e rideranno di te?

Ecco qual è la domanda che ci agita dentro in quei momenti:

Chi sono io per essere brillante, pieno di talento, favoloso?


Quando avevamo pochi mesi di vita, eravamo uno spettacolo di comunicazione… poi piano piano abbiamo sviluppato trante paure, tra cui una che si è molto radicata in noi: la paura di uscire da noi stessi, in poche parole: la paura di comunicare.

Siamo tutti nati per risplendere, come fanno i bambini. Siamo nati per rendere manifesta la gloria di Dio che è dentro di noi.

E questa scintilla non è solo in qualcuno di noi, è in tutti noi. Siamo tutti miracoli viventi, siamo tutti scintille di vita chiamate a risplendere e ad illuminare, e se ci crediamo, siamo tutti scintille di luce scaturite dalla bellezza e dalla luce di Dio.

Se questa luce la teniamo soltanto per noi stessi, facciamo un grande danno alle persone che ci sono accanto, e impediamo a questo mondo di essere più luminoso.

Per me, aver voglia di imparare a comunicare meglio è semplicemente questo: lasciare che la luce dentro di me risplenda in modo naturale, vivace, pieno. Imparare a comunicare meglio secondo me è liberare la luce che è dentro di noi.

Ma la cosa splendida, sapete qual è?

È che se vinceremo le paura di comunicare la luce e il sorriso che è in noi:

la nostra semplice presenza, automaticamente libererà anche anche gli altri.

Che aspetti allora? Libera la luce che è in te, libera il sorriso di Dio che è nel tuo cuore. Non ne sei padrone, non è tua proprietà.

Ti è stato donato, non puoi tenerlo per te, devo regalarlo agli altri.

Ora devi soltanto guardare il video fino in fondo, per uno splendido regalo!